Campionamento dei terreni suolo e sottosuolo

Il campione prelevato deve rappresentare la matrice da cui proviene in modo tale da poter offrire mediante l’analisi chimica un quadro esaustivo dello stato qualitativo di quest’ultima.

Naturalmente l’efficacia del campionamento è funzione della quantità di campioni prelevati: maggiore è il numero di campioni e maggiore sarà la sua rappresentatività.

Inoltre al fine di omogeneizzare il campione il più possibile è necessario mescolare evitando che il campione entri in contatto con altre sostanze.

L’omogeneizzazione è fondamentale in quanto da un determinato quantitativo di terreno dovranno essere ricavati più campioni.

Nel caso di campioni da prelevare in superficie si ricorrerà alla raccolta del terreno mediante spatola o paletta metallica.